T-MEC Da Impulso Agli Investimenti Produttivi In Messico

Nonostante la crisi economica derivata dal COVID-19, l'entrata in vigore del T-MEC, denominato USMCA negli USA e  CUSMA in Canada, ovvero il NAFTA versione 2.0,  ha riattivato l'economia del Messico ed in particolare gli investimenti produttivi nei distretti manifatturieri del paese. Questo quanto afferma José Luis Contreras, Direttore Esecutivo del Grupo Valoran, commentando sui 7 progetti nel parco industriale del World Trade Center ​ di San Luis Potosí, nell'omonimo stato messicano.

A causa della privacy e della negoziazione ancora in corso,  José Luis Contreras  non può fornire dettagli sugli ammontari degli investimenti, sulle  aziende e sul numero di posti di lavoro che verranno creati, ma queste cifre verranno rese note in seguito. Tuttavia, ha confermato che si tratta di aziende del settore automobilistico, metalmeccanico e uno focalizzato sulla logistica. "Sono fornitori del settore manifatturiero, ci sono Tier 1 e Tier 2", ha rivelato José Luis Contreras.

Giudizio positivo sul nuovo trattato commerciale nordamericano anche da Manuel Montoya, Presidente della Rete Nazionale dell'Automotive Industry Cluster, ha sottolineato che le nuove regole del T-MEC hanno indotto le aziende di assemblaggio a cercare fornitori che rispettassero le percentuali di contenuto locale indicate nel quadro normativo. Anche il Nuevo León Automotive Cluster prevede che aziende asiatiche ed europee si stabiliranno in Messico, in particolare a Nuevo León, che sarebbe un fornitore per il settore automobilistico.
"Le nostre società di assemblaggio stanno cercando un fornitore e qui ci sono due strade, o si sviluppa o si ottiene un fornitore che è già in alcuni dei tre paesi o si porta il proprio fornitore dall'Asia o dall'Europa per stabilirsi qui. Ciò causerà più affari per le aziende locali e nazionali e ci saranno più aziende che verranno stabilite nel paese ", ha detto. "Oggi abbiamo più di 200 aziende nelle diverse fasi, alcune a livello esplorativo, ma fondamentalmente provengono da Stati Uniti, Germania e Cina che stanno progettando di venire".

Nel corso di una conferenza all'Università degli Studi di Milano-Bicocca, l'Ambasciatore del Messico in Italia —Carlos García de Alba— ha offerto ai presenti un panorama delle relazioni commerciali, culturali, finanziarie, politiche e diplomatiche tra il Messico e l'Italia e della loro evoluzione a seguito del T-MEC

Nell'ambito degli investimenti reciproci, García de Alba ha affermato: «Su questo punto mi tratterrò un po' più a lungo, perché non se ne sa molto: siamo economicamente, commercialmente e finanziariamente dei soci molto importanti. Ci sono tante aziende italiane in Messico, circa 1.600, alcuni dicono 2.000, presenti su tutto il territorio nazionale e quelle grandi sono giunte da tempo con presenze molto significative».

«Ma» —ha continuato— «c'è ancora spazio, dovrebbero essere molte di più, soprattutto se ricordiamo che è stato recentemente ratificato il nuovo Nafta —o T-MEC—, il trattato tra Messico, Usa e Canada. Questo nuovo accordo conferma che il Messico è la porta di ingresso per tutte le aziende italiane che sono già nel Paese e vogliono accrescere la loro presenza, ma anche per quelle che non sono ancora arrivate».

«Dobbiamo, però, parlare anche dell'altra faccia della medaglia» —ha aggiunto il diplomatico— «Se è vero che ci sono più di 6 miliardi di euro di investimenti italiani in Messico, si segnalano poco i circa 2,5 miliardi di euro di investimenti messicani in Italia».

Fonte: www.milenio.com -  www.clusterindustrial.com

Section:
Country:

Subscribe to our Newsletter!

Subscribe to our Newsletter!